top of page

Sugar Cravings: attenzione alla dipendenza da zuccheri!


Qualche mese fa, durante e subito dopo le feste natalizie, mi è successa una cosa strana. Dopo varie ricerche sono riuscita a dargli una definizione: Sugar Cravings.

Ecco quanto ho scoperto.



Cominciamo dall’inizio: cosa sono gli Sugar Cravings?


Con il termine “Sugar Cravings” si indica il desiderio incontrollabile di dolce e di zucchero in qualsiasi forma. Chiaramente non va confuso con la semplice golosità e non ha nulla a che vedere con i disturbi alimentari. La differenza fra chi ha una dipendenza e chi ha semplicemente un “debole” per i dolci è che chi ama i dolci se li concede occasionalmente, mentre chi soffre di Sugar Cravings è spesso dipendente dallo zucchero, e questa dipendenza può influenzarci sia mentalmente che fisicamente.


Quali problemi può dare la dipendenza da zuccheri?


Che lo zucchero sia spesso il motivo che fa saltare tutti i nostri progetti di alimentazione sana non è una novità; non tuttә sanno però che gli zuccheri sono dannosi per la nostra salute e anche per la nostra bellezza: l’eccesso di zucchero, infatti, può danneggiare il nostro corpo, pelle compresa, scomponendo il collagene della pelle, in questo senso rendendo vani anche i trattamenti e le creme anti-age. Gli zuccheri, inoltre, sono causa di molte patologie infiammatorie, oltre alla sindrome metabolica e a tante altre alterazioni del nostro stato di salute.

Anche l'Oms raccomanda un'assunzione moderata degli zuccheri, che non dovrebbero rappresentare più del 5-10% del totale apporto calorico.


Quali sono le cause dell’abuso di zuccheri?


La causa più comune è lo stress, che provoca il rilascio di ormoni come il cortisolo, che induce il pancreas a produrre più insulina. Anche gli squilibri ormonali, durante il ciclo mestruale per esempio, provocano lo stesso meccanismo. C'è chi invece ha semplicemente la cattiva abitudine di concedersi uno spuntino dolce alla stessa ora o di consumare una dose di zucchero ogni giorno, indipendentemente dal momento della giornata.

In ogni caso, tutto questo crea la dipendenza, poiché lo zucchero, attraverso la produzione dell'insulina, non fa che incrementare il desiderio di assorbire ulteriori dosi di zucchero.


Come si esce dalla dipendenza da zuccheri?


La buona notizia è che diminuendone l’assunzione, o nei casi più gravi astenendosi, possiamo liberarcene. Certo è richiesta un po’ di buona volontà, ma gli effetti della riduzione degli zuccheri possono essere davvero gratificanti sprigionando energie che non pensavamo di avere.


E allora, ecco alcuni consigli pratici:

  1. Esamina il tuo modo di nutrirti così da focalizzare le tue “cattive abitudini”: moltә di noi, infatti, mangiano male senza nemmeno rendersene conto.

  2. Diminuisci in maniera graduale gli zuccheri e non eliminarli tutti insieme.

  3. Consuma pasti completi che contengano sufficienti proteine, carboidrati complessi e grassi sani per fornire un flusso di energia costante, in modo che i livelli di zucchero nel sangue non fluttuino.

  4. Una colazione salata aiuta a ridurre la voglia di dolce.

  5. Sostituisci gli zuccheri con alimenti ricchi di triptofano, l'amminoacido da cui viene prodotta la serotonina, come legumi, semi oleosi (soprattutto arachidi, mandorle e pinoli), cereali integrali (farro, avena e miglio) e cioccolato. Il cacao, in particolare, è ricco in triptofano a patto che sia fondente e almeno all'80% (in ogni caso, non più di 30 gr. al giorno).

  6. Cerca di dormire bene perché anche la mancanza di sonno può causare la voglia di zucchero, nel tentativo di combattere la stanchezza e la mancanza di concentrazione.

  7. Se sei stressatә pratica regolarmente discipline rilassanti come: yoga, esercizi di respirazione, e tutte quelle attività di cui parliamo qui a JustLife per abbassare gli ormoni dello stress.

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page